Bisogna riconoscere la Bellezza per rispettarla.

La Cattedrale di Taranto, nel cuore della città vecchia, è il simbolo di tutta la bellezza presente nell’isola; un bel campanile in tutta la sua semplicità, la navata con parti del pavimento antico, le statue, i marmi, il piano interrato, i soffitti e soprattutto il mosaico nella cappella minore compongono uno dei più attraenti siti della nostra città; da alcuni mesi è stata rimossa l’impalcatura che deturpava un fianco del Duomo, quello che affaccia su via Cava dove ci sono gli ipogei del “centro commerciale” della Taranto antica, un altro sito da valorizzare.
Passeggiando nei paraggi mi sono accorto che sul muro perimetrale del Duomo qualche STRONZO si è preso la briga di scrivere una dedica d’amore a “Manu”(nella foto), qualcun altro si è impegnato nel ragionamento teologico filosofico producendo un “Dio è quotidiano” che sarebbe potuto essere testimoniato in mille altri modi.
Perché? Probabilmente chi ha scritto sui muri del Duomo non conosce e riconosce la sua bellezza, non immagina che chi lo vede per la prima volta ne trae l’impressione dell’abbandono; tutto questo tra i murales che decorano la città vecchia senza deturpare alcuna opera d’arte.
Questa è solo una denuncia di inciviltà, e tutti dovremmo interrogarci sui motivi per i quali noi tarantini stiamo smettendo di amare Taranto, ammesso che l’avessimo mai amata.
Lorenzo Battista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...